Il sognatore

Rispondi
Avatar utente
Borgo94n1
Messaggi: 24
Iscritto il: 11/09/2018, 7:19
Been thanked: 9 times

Il sognatore

Messaggio da Borgo94n1 » 29/11/2018, 11:00

In un vicolo del mercato centrale un gruppo di 4 banditi stava rapinando un ragazzo, avrà avuto 15 anni, era notte fonda e nessuna guardia era nelle vicinanze.

"Te lo dico senza giri di parole, dacci tutti i tuoi soldi o ti taglio la gola col mio coltello" "vi prego la mia famiglia non mangia da 2 giorni e mia madre sta male, abbiate pietà" il capo banda di quei banditi sbatte un pugno contro il muro vicino al ragazzo "non me ne frega un piripicchio di te o della tua famiglia, in questa zona io sono la legge e decido io cosa è giusto e cosa è sbagliato, quindi se adesso tu..." non fece in tempo a finire che un coltello da lancio si conficco accanto alla sua mano.

"Tu la legge? Penso che molti qui nel mercato centrale non sarebbero d'accordo" disse uomo con un mantello "era la tua unica arma quella?" "bhe se girassi per il mercato armato fino ai denti, penso che la guardia cittadina non sarebbe molto d'accordo" "noi siamo in 4 e abbiamo dei coltelli, se non sei un combattente eccezionale affrontarci da solo è pura follia" "vero e comunque no a dire il vero non sono proprio bravo a combattere... però sai ho alcuni amici" dietro l'uomo arrivarono un elfo armato di pugnale, un kull con una mazza di legno e un umano armato di forcone "chi diavolo sei tu? Perchè ti impicci in affari che non ti riguardano?" "bhe puoi chiamarmi come mi chiamano tutti Borgo e a dire il vero io abito qui e non apprezzo che dei topi di fogna come voi disturbino la povera gente" "pensi che abbia paura di un uomo disarmato e dei suoi amici?" "bhe dato che hai bisogna di 3 compagni per derubare un ragazzino... direi proprio di si" il bandito rimase fermo qualche secondo poi decise di andarsene "andiamo ragazzi, non vale la pena di rischiare la pelle per 4 spiccioli".

Borgo e i suoi compagni stavano per andarsene, quando il ragazzo corse verso di lui e chiese "aspettate ma voi chi siete?", Borgo si girò "te lo già detto no? Tutti mi conoscono come Borgo", il ragazzo replico "no intendo chi siete? Siete un nobile?" "intendi gente a cui è stato regalato tutto non per merito ma per diritto di nascita? No ragazzo mio, io sono esattamente come te o per lo meno lo ero... questi miei compagni pure, abbiamo semplicemente unito le forze per un obbiettivo comune" "e cosa ci facevate qui?" "Bhe... dovevo incontrare delle persone, ma c'è stato un imprevisto con quei 4 rifiuti presto dovrebbe arrivare..." "UMANO!".

Borgo si girò e vide un nano con altri 2 nani a suo seguito "ben arrivati, va tutto bene?" "fin'ora si... pensavo di trovare un gruppo di umani e invece c'è anche un elfo e un kull ma che razza di gruppo siete?" "me lo chiedi eppure sto facendo accordi con te un nano" "infatti sei davvero strano umano, allora ripetimi i termini dell'accordo" "voi siete un gruppo di 3 nani, che difendono la propria gente da malintenzionati e siete armati di asce da falegname ho scordato qualcosa?" "solo che useremmo asce vere, se avessimo il permesso" "a me e al mio gruppo non piacciono quelli che se ne approfittano del fatto che la guardia cittadina non è onnipresente, quindi l'accordo è molto semplice noi aiutiamo voi a difendere gli altri nani che abitano qui e voi date una mano a noi" il nano si avvicino a gli strinse la mano "abbiamo un'accordo allora".

Il gruppo di nani se ne andò, il ragazzo chiese a Borgo "perchè vi mettete a fare questi accordi?" "per fondare un gilda servono membri" "e voi volete fondare una gilda?" "no ragazzo mio, io sono un sognatore e la gilda e solo un mezzo per ottenere un'altro fine" "che intendete?" "per allearsi con un'altra gilda bisogna prima fondarne una propria e con più gilde è possibile fondare una città, che a sua volta può fare accordi con altre città" "ma quindi qual'è il vostro obbiettivo finale?" "il mio sogno è quello di unire il mondo intero e sicuramente morirò prima che sia possibile, ma mi sono posto questo obbiettivo impossibile per rendere piena la mia vita, se avrò unito un continente, una nazione o anche solo una città partendo da zero, avrò speso bene la mia vita" il ragazzo rimase perplesso "ma quello che dite è una follia, la gente a mal la pena va d'accordo in un singolo paese, far andare d'accordo persone tanto diverse addirittura di altre nazioni, è quasi impossibile" "se cosi non fosse il mondo sarebbe già unito e il mio sogno non avrebbe senso, ma io penso di avere l'abilità di unire i popoli, per questo adesso sto partendo da piccoli gruppi ma punto molto in alto, magari morirò provandoci ma meglio che vivere una vita senza soddisfazioni" il kull che accompagnava Borgo disse "capo domani devo lavorare, vorrei tornare a casa e dormire se me lo permettete" "siete tutti congedati, tornate pure alle vostre case" cosi i compagni di Borgo se ne andarono "signor Borgo io vi seguirei, ma mia madre è malata e..." "vai ragazzo e buona cosa pensare ai parenti e poi sei ancora troppo giovane, quando sarai uomo potrai unirti a me, se nel frattempo non avrai cambiato idea".

Il giorno dopo Borgo torno a trovare il nano del giorno prima "buongiorno, avevi delle informazioni per me giusto?" "buongiorno... si come ti dissi qualche giorno fa un gruppo di 4 orchi è entrato al mercato centrale, erano armati e quindi la guardia cittadina gli ha chiesto di consegnarli le armi per tutta la permanenza nel mercato, c'è stata qualche discussione colorita ma alla fine tutto si è risolto per il meglio, capisco ti servano persone per la tua gilda, ma quegli orchi sembrano tipi aggressivi andare ad incontrarli da solo è una follia" "da solo? Perchè tu non vieni?" "in che senso?" "niente pensavo che ormai fossimo amici, ma ti capisco nessuno rischierebbe la vita per un sconosciuto" "mi stai dando del vigliacco?" "ma no certo che no, è del tutto comprensibile tenere alla propria vita, anch'io non sono proprio tranquillo ad incontrare quegli orchi" "bhe sai che ti dico! Verrò anch'io e se quegli orchi ti torcono un capello io gli infilo un'ascia su per..." "ok ok non arrabbiarti, sono felice di non andarci da solo, in questo casi sbrighiamoci".
Rispondi